Della cultura si è detto un po’ di tutto

Della cultura si è detto un po’ di tutto : Che è di Sinistra,che è a uso e consumo di un Elite,che non si mangia,che è inutile. Ma cosa che cos’è realmente la cultura?
Partiamo dall’etimologia della parola. Cultura in latino vuol dire coltivare. E quindi preparare il terreno affinché vi crescano le piante. Già qui abbiamo la prima bozza di cultura: Far germogliare un ‘idea curandola. Nel campo umanistico la cultura viene vista come un arricchimento personale,che aumenta in base alle conoscenze che si possiedono. Anche se questa definizione può contenere aspetti quantitativi,non si può dire che prediliga un direzione specifica(politica o sociale). Si basa solo sulle conoscenze acquisite. Nel campo antropologico,invece,la cultura comprende l’insieme di costumi,norme,valori e ideali.
In entrambi i campi si denotano diverse attitudini specifiche,ma non c’è alcuna traccia di specificità rigida. La cultura comprende diversi costumi. D’altronde ,in una campagna,si può coltivare di tutto no? Non diremmo mai che l’agricoltura si occupa solo di un tipo di verdure.
Facciamo degli esempi pratici. Il Capitalismo è una forma di cultura?
Sia nella concezione classica(che studia i propri autori e artisti) sia in quella antropologica,il capitalismo sembra soddisfare tutti i requisiti necessari.
Tra i requisiti necessari per ricevere tale investitura occorrono :
Idee(capitale), simboli(denaro), azioni(lavoro).
Ovviamente questo discorso prescinde dalle opinioni personali. Ciascuno di noi può prediligere la cultura che vuole.
In Italia si dice spesso: la cultura è di sinistra. Secondo me si fa confusione tra quantità e definizione. E’ vero che ci sono molti artisti di sinistra,ma ciò non colloca la cultura,in senso stretto,a sinistra. La Teocrazia che vigeva in Tibet cinquanta anni fa,non aveva nulla a che fare con il concetto di sinistra; né gli autori di quel luogo si poneva questa domanda. Dovremmo dire altrimenti che, in America,non c’è cultura. Guardando il tutto con un’ottica psicologica,e assumendo una prospettiva fenomenologica,potremmo dire che,la visione dogmatica della cultura rigida,deriva dalla tendenza delle persone a considerare le loro ricostruzioni personali,come riassunti fedeli del mondo. Il cosiddetto realismo ingenuo.

”Il dialogo tra le culture è necessario, ma difficile”

Della cultura si è detto un po’ di tuttoultima modifica: 2011-09-09T18:56:14+00:00da petrelli599
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Della cultura si è detto un po’ di tutto

Lascia un commento