Le confessioni dell’amore triste di Cotton

  «E poi finì,dico,con mia moglie. E’ finita quando non sono più riuscita a vederla come..come altro da me. Hai presente quando i russi dicono “ anima mia” per rivolgersi alle persone care. Ecco, il soffio, poiché anima, vuol dire soffio,non mi spingeva più da nessuna parte. Così divenne una dolce guerra tra me e lei. Ci amavamo, in qualche … Continua a leggere

Utopia nera

Martellato e appiattito. Incessantemente perforato da urli ridondanti che sbattono nella pareti del petto. Trafugati e rubate le buoni intenzioni e i pensieri docili e innocenti. Circondati da noia e pigrizia sono le legioni degli assuefatti . Pigri e analfabeti. Mancano le parole per poter esprimere ogni attimo che non si muove. Come puoi descrivere un corpo che non si … Continua a leggere

Alla base dell’amore che cosa c’è?

Alla base dell’amore che cosa c’è? Spesso si trova L’idealizzazione. Si attribuiscono dati non veritieri al soggetto verso cui si è attratti. L’amore consiste nell’annullamento dei difetti dell’oggetto amato,che anzi,prova persino interesse in quelli che,normalmente,verrebbero considerate prerogative sgradevoli. Tutto ciò viene sopportato,non dall’interesse spirituale che si prova per la persona,ma dall’impulso sessuale. Freud: L’uomo prova simpatia devota per le donne … Continua a leggere

Almeno così dicono

Spesso c’è una pulsione forte,quasi parassitaria,che richiede un’attenzione particolare perché detiene  il timone della vita. Ma come ogni moto  relativamente elementare, è un soggetto particolarmente capriccioso,non si accontenta facilmente e non si ferma se viene esaudito. Bisogna soddisfarlo sempre? No,non è possibile. Non tanto perché così facendo si genera una colpa ( non vi è colpa nella condizione umana),ma perché … Continua a leggere

Amoralità nell’universo

E che colpa ne aveva lui. Soffriva perché la sua donna andava via,non sopportando il fatto di restare solo. Poteva aver bisogno del suo amore,del suo appoggio e della sua mano ferma che gli sfiorava il petto regolando i battiti del cuore e calmando il suo respiro affannato. Che colpa ne aveva lui,se forze maggiore avevano deciso che, la rinuncia,seppur … Continua a leggere